CHI SIAMO

L’ICOM (International Council of Museums) definisce il museo come “un’istituzione permanente senza scopo di lucro, al servizio della società e del suo sviluppo, aperta al pubblico, che effettua ricerche sulle testimonianze materiali e immateriali dell’uomo e del suo ambiente, le acquisisce, le conserva, le comunica e specificamente le espone per scopi di studio, istruzione e diletto”.

I Musei Reali di Torino (ex Polo Reale), ai sensi dell’art. 30 del D.P.C.M. n.171 del 29 agosto 2014, Regolamento di organizzazione del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, degli uffici della diretta collaborazione del Ministro e dell’Organismo indipendente di valutazione della performance (la cosiddetta “Riforma Franceschini”), si configurano come un museo di rilevante interesse nazionale, dotato di autonomia speciale in ambito scientifico, finanziario, contabile e organizzativo.

Nel 2016, in seguito all’emanazione del D.M. n. 43 del 23/01/2016, Modifiche al decreto 23 dicembre 2014, recante “Organizzazione e funzionamento dei musei statali”, l’area museale torinese cambia nome: il precedente “Polo Reale” è stato sostituito dal nuovo “Musei Reali”.
Il cambio del nome corrisponde alla volontà di proseguire nel percorso di autonomia e di definizione di una nuova identità come organismo unico.

Per visualizzare l’organigramma e la struttura gestionale dei Musei Reali, visita la pagina Organizzazione.