28/09/2018 - 30/09/2018
8:30 - 18:30

Dopo un lungo e difficile restauro avviato all’indomani del tragico incendio dell’11 aprile 1997, viene finalmente restituita al mondo la mirabile architettura barocca di Guarino Guarini, accessibile al pubblico nel percorso di visita dei Musei Reali a partire da venerdì 28 settembre.

La cerimonia di apertura è prevista giovedì 27 settembre alle ore 9 presso il Teatro Regio di Torino.

Giovedì 27 settembre la cupola di Guarino Guarini sarà illuminata dall’esterno in maniera scenografica a partire dalle ore 20.30 e il pubblico potrà ammirarla da Piazza San Giovanni. Seguirà in Duomo, il 28 settembre alle ore 19, la messa solenne e, sabato 29 settembre alle 21, un concerto a cura di Don Carlo Franco.

Il pubblico potrà ammirare la Cappella della Sindone da venerdì 28 a domenica 30 settembre al prezzo speciale di 3 euro, comprensivo della visita all’intero complesso museale. Da martedì 2 ottobre l’accesso sarà compreso nell’abituale biglietto dei Musei Reali. Nello Spazio Confronti della Galleria Sabauda, i visitatori potranno vivere un’emozionante esperienza di realtà virtuale e ripercorrere i passi compiuti dopo l’incendio attraverso una breve esposizione fotografica.

Inoltre, venerdì 28 e sabato 29 settembre un convegno internazionale nell’Auditorium Vivaldi della Biblioteca Nazionale di Torino farà il punto sulla storia del monumento, sui suoi significati simbolici e devozionali e sulla lunga impresa del restauro che ne ha permesso la sopravvivenza.

Il restauro è stato finanziato dal Ministero per i beni e le attività culturali con il sostegno di Compagnia di San Paolo, Fondazione La Stampa – Specchio dei Tempi, Consulta per la Valorizzazione dei Beni Artistici e Culturali di Torino, IREN e Performance in Lighting.

Gli operatori della stampa possono inviare le richieste di accredito per la cerimonia inaugurale direttamente all’ufficio stampa dei Musei Reali di Torino all’indirizzo mail mr-to.ufficiostampa@beniculturali.it indicando nome, cognome, testata, recapiti, specificando se si è giornalisti, fotografi o operatori video e indicando eventuali esigenze tecniche.