14/09/2017
17:30 - 20:30

Giovedì 14 settembre alle 17.30 presso la Sala degli Specchi della Prefettura di Torino viene presentato il catalogo della mostra “Enea e gli Etruschi a Palazzo Taffini” organizzata dall’Associazione Le Terre dei Savoia, in collaborazione con i Musei Reali di Torino. Il catalogo dell’esposizione ripercorre alcune tappe importanti della vita del palazzo Taffini e dei suoi protagonisti, a partire dagli affreschi seicenteschi – oggi coperti dalle volte realizzate nel Settecento – “svelati” al pubblico dalle riprese fotografiche.
Il progetto è opera di Umberto Pecchini ed è stato curato nella sezione storico artistica da Loredana De Robertis, nella sezione scientifico archeologica da Gabriella Pantò e Simona Rafanelli, con il sostegno della Cassa di Risparmio di Savigliano SpA, proprietaria del sito prestigioso, e il contributo delle Fondazioni bancarie Cassa di Risparmio di Torino, Cassa di Risparmio di Fossano e Cassa di Risparmio di Cuneo. La mostra è un abbraccio ideale fra storia e leggenda, mito e tradizione, arte e archeologia. Gli antichi affreschi descrivono la saga di Enea, intrecciandola con la celebrazione di Casa Savoia e della famiglia Taffini. Al centro il mito dell’eroe virgiliano, l’alleanza con i popoli etruschi e l’antica storia della fondazione di Roma, in un racconto epico di virtù passate e presenti nel quale i Duchi di Savoia e la famiglia Taffini si identificano e vengono celebrati.
Il nuovo allestimento della Sala degli Dei, spazio accreditato per le esposizioni museali, presenta in una coerente cornice archeologica numerosi reperti provenienti dai principali musei etruschi della Toscana e del Lazio e dal Museo di Antichità di Torino. Spiccano, oltre a preziosi monili, la leggendaria “Spada di Enea”, proveniente dalla tomba sottostante il tumulo dell’Heròon a lui dedicato, custodita nel Museo di Lavinium; la “Clava bronzea di Ercole”, esposta presso il Museo Civico Archeologico “Isidoro Falchi” di Vetulonia; la preziosa statua marmorea di “Eros dormiente con gli attributi di Eracle”, databile tra la fine del XV e l’inizio del XVI secolo, già attribuita a Michelangelo, in prestito dai  Musei Reali di Torino (collezioni di Carlo Emanuele I).
La sala è arricchita da un olfattorio di 24 vasi di vetro di Murano, ispirati alle forme degli unguentari etruschi, che custodiscono le famiglie olfattive dei principali profumi, e da un omaggio a due figure femminili emblematiche rappresentate in sfarzosi abiti storici: Caterina de’ Medici, icona del Rinascimento, e Maria Cristina di Francia Duchessa di Savoia, “Madama Reale” che connotò il Seicento piemontese come il Secolo delle Meraviglie.
“Si è ritenuto di grande significato storico e scientifico – dichiara Umberto Pecchini – rappresentare alcuni momenti del percorso museale attraverso l’esibizione di opere di alto livello qualitativo e dal forte valore simbolico, capaci di cogliere le connessioni tra differenti linguaggi espressivi ed i legami tra le diverse civiltà che ne sono state interpreti. Qui ci preme sottolineare la scelta culturale che caratterizza il progetto nel suo complesso: l’ibridazione tra discipline e saperi generalmente agli antipodi, questa volta interconnessi per accompagnare le molteplici memorie percettive dei visitatori. La natura di un territorio con i suoi profumi e i suoi sapori interagisce infatti con la storia, l’arte e la tecnologia. Una suite che pone pubblico e nuovi (per età e interessi) potenziali fruitori al centro dell’esperienza; e di cui il cammeo espositivo con preziosi reperti etruschi e romani per ora rappresenta simbolicamente il preludio”.
La mostra rientra nel più ampio quadro delle iniziative proposte da Terre dei Savoia, Associazione di oltre 50 Comuni compresi tra l’area metropolitana torinese e le province di Cuneo e di Asti, realtà da sempre impegnata nella promozione culturale e turistica del territorio. Tra i molti suoi progetti cofinanziati dall’Europa ha dato vita al MÚSES Accademia Europea delle Essenze, presso il monumentale Palazzo Taffini d’Acceglio a Savigliano, diventato oggi poliedrico contenitore museale.
La mostra Enea e gli Etruschi a Palazzo Taffini (Savigliano) è visitabile fino al 7 gennaio 2018 dal martedì alla domenica dalle ore 10 alle 13 e dalle 14 alle 18.
Info: tel. 0172 375025 – info@musesaccademia.it – www.musesaccademia.it