ESPLORA LE COLLEZIONI PER:

Album di pesci

Ambito piemontese

Il volume, allestito probabilmente all’inizio del Seicento, contiene settantacinque tavole riguardanti quasi esclusivamente animali marini, dulciacquicoli o del litorale mediterraneo: Pesci, Rettili, Mammiferi, Crostacei, Molluschi ed Echinodermi.
Gli organismi rappresentati, talvolta più di uno per tavola, con rare ripetizioni, sono molto numerosi e i disegni, di grandi dimensioni, sono eseguiti a tempera su di un cartoncino ritagliato e incollato ai fogli dell’album. I disegni tendono a riprodurre le dimensioni originali della specie per cui i fogli sono stati in molti casi ripiegati più volte su se stessi per ridurne l’eccessiva ampiezza (fino a più di 3 metri).
La qualità artistica è in genere buona, anche se i disegnatori, con tutta probabilità più d’uno, non hanno spesso riportato importanti dettagli anatomici, o cromatici, utili ad una identificazione certa della specie. Gli ittionimi utilizzati sono per lo più nizzardi, spesso accompagnati da nomi portoghesi, in parte validi ancora oggi. Salve due figure, rappresentanti un “pesce” di fantasia e un inesistente pesce monaco, tutte le illustrazioni si riferiscono a specie esistenti.
Non sono chiari i motivi che furono alla base della realizzazione di questo volume da cui mancano molte delle specie banali di pesci, molluschi e crostacei del Mar Mediterraneo centrosettentrionale, mentre i disegni del coccodrillo del Nilo e dell’Uromastice si riferiscono, oltre ogni ragionevole dubbio, a esemplari presenti nelle collezioni ducali di animali viventi.
L’opera era verosimilmente presente nella biblioteca della Grande Galleria del duca Carlo Emanuele I di Savoia, sulla base dell’Inventario del 1659.

Datazione
Fine del XVI - prima metà del XVII secolo
Oggetto
Manoscritto cartaceo
Materia e tecnica
Tempera su carta
Dove si trova
Biblioteca Reale
MAGGIORI DETTAGLI

ORGANIZZA LA TUA VISITA

I Musei Reali di Torino sono uno dei complessi museali più estesi e più variegati d'Europa e sono pari, per le loro dimensioni e per il valore delle collezioni, alle maggiori residenza reali europee. Sono situati nel cuore della città antica e propongono un itinerario di storia, arte e natura che si snoda attraverso oltre 3 km di passeggiata museale su 30.000 mq di spazi espositivi e di deposito, 7 ettari di giardini, con testimonianze che datano dalla Preistoria all'età moderna.