Armatura giapponese del tipo Do-maru - Musei Reali di Torino%
ESPLORA LE COLLEZIONI PER:

Armatura giapponese del tipo Do-maru

Manifattura giapponese

L’armatura giapponese è composta da un assemblaggio di materiali eterogenei: metallo, cuoio, tessuto, lacca, seta, lamelle metalliche dorate. Le sue parti, unite da fettucce di seta, si articolano in un insieme robusto ma flessibile che non costringeva il corpo del samurai in una struttura rigida, per garantire, oltre alla protezione, una notevole libertà di movimento. L’armatura risulta confezionata secondo il tipo do-maru, un equipaggiamento difensivo leggero attestato nei secoli XIII-XVI per lo scontro a piedi. Era destinata a un personaggio d’alto rango, come dimostra l’utilizzo di materiali pregiati quali seta e lacca che, grazie alle caratteristiche di resistenza, elasticità e impermeabilità, contribuiscono a renderla un connubio di eleganza e funzionalità.
È una delle tre armature giapponesi complete entrate a far parte della collezione orientale dell’Armeria Reale entro la seconda metà dell’Ottocento. Fu donata nel 1869 al re Vittorio Emanuele II dall’imperatore Meiji in seguito alla firma del trattato d’amicizia e commercio tra Regno d’Italia e Giappone.
In previsione del riallestimento nella Rotonda dell’Armeria (2016), l’armatura è stata sottoposta a un accurato restauro e dotata di una speciale struttura di sostegno, studiata per distribuire in modo calibrato il peso dei vari elementi e per evitare il deterioramento dei differenti materiali.

Datazione
Metà del XVII secolo e aggiunte XVIII (elmo), fine del XV secolo e primo quarto del XVI (spallacci), fine del XVII e primo quarto del XVIII secolo (resto del corredo)
Oggetto
Armatura
Materia e tecnica
Acciaio
Argento
Canapa
Cuoio
Lacca
Leghe di rame
Legno policromo
Lino
Oro
Pelle
Rame dorato
Seta
Dove si trova
Armeria Reale - Rotonda
MAGGIORI DETTAGLI

ORGANIZZA LA TUA VISITA

I Musei Reali di Torino sono uno dei complessi museali più estesi e più variegati d'Europa e sono pari, per le loro dimensioni e per il valore delle collezioni, alle maggiori residenza reali europee. Sono situati nel cuore della città antica e propongono un itinerario di storia, arte e natura che si snoda attraverso oltre 3 km di passeggiata museale su 30.000 mq di spazi espositivi e di deposito, 7 ettari di giardini, con testimonianze che datano dalla Preistoria all'età moderna.