ESPLORA LE COLLEZIONI PER:

Bassorilievo con una ghirlanda di fiori e frutta

Caspar Pieter Verbruggen il Vecchio

Un bassorilievo ornamentale in pietra che culminante con una testa di fanciullo emerge dal fondo scuro della tela. Il medaglione centrale è vuoto, ma in altre composizioni dello stesso artista accoglie una scena sacra o mitologica. Una ricca ghirlanda di fiori e frutta abbellisce la scultura: nella parte inferiore le rose si intrecciano a peonie, campanule, garofani e fiori di campo con la presenza solitaria di un fiordaliso; nella parte superiore compare una lussureggiante varietà di grappoli d’uva, pannocchie di granoturco, albicocche, prugne, fichi, una zucca, un ramo di ciliegie e, in alto, due rossi peperoncini che risaltano per la loro intensità cromatica. Farfalle variopinte animano la scena posandosi qua e là. Fiori e frutti sono dipinti con straordinaria adesione al vero, ma tutta la composizione appare fortemente studiata e non naturalistica, forse legata a significati simbolici. Il dipinto, precedentemente attribuito a Verbruggen il Giovane, è attualmente assegnato, in base alle caratteristiche della firma, al padre, artista specializzato nell’esecuzione di opulente nature morte floreali che godettero di grande successo nella seconda metà del Seicento. L’opera è entrata nelle collezioni della pinacoteca nel 1871 in seguito ad un acquisto presso l’architetto Ferdinando Reycend (Torino 1810 – 1879). Firmato in basso al centro «CASPER. P. VERBRVGGHEN. F.»


Bassorilievo con una ghirlanda di fiori e frutta

Datazione
1650-1680
Oggetto
Dipinto
Materia e tecnica
Olio su tela
Dove si trova
Galleria Sabauda - secondo piano
MAGGIORI DETTAGLI

ORGANIZZA LA TUA VISITA

I Musei Reali di Torino sono uno dei complessi museali più estesi e più variegati d'Europa e sono pari, per le loro dimensioni e per il valore delle collezioni, alle maggiori residenza reali europee. Sono situati nel cuore della città antica e propongono un itinerario di storia, arte e natura che si snoda attraverso oltre 3 km di passeggiata museale su 30.000 mq di spazi espositivi e di deposito, 7 ettari di giardini, con testimonianze che datano dalla Preistoria all'età moderna.