ESPLORA LE COLLEZIONI PER:

Carta nautica

Jacopo Russo
Ambito siciliano

Jacopo Russo fu un cartografo attivo nella prima metà del sec. XVI a Messina, divenuta un centro di grande importanza per la produzione di carte nautiche. Firmata e datata dal suo autore, l’opera presenta una gran quantità di elementi fantasiosi e riccamente colorati, inutili per la navigazione, ma di grande impatto visivo per la straordinaria bellezza dei decori disseminati in tutta la carta. Sono ben visibili il Golfo di Genova, unica città italiana rappresentata insieme a Venezia, il Mar Rosso, con la rappresentazione dell’apertura delle acque in occasione del passaggio degli ebrei guidati da Mosè, i monti dell’Atlante, catena montuosa dell’Africa nord-occidentale, i Pirenei, le Alpi; e con gli elementi geografici sono raffigurati città ornate di torri e stemmi e molteplici sovrani: il re di Spagna, Francia, Ungheria, Polonia, Russia, ma anche il sovrano dei Tartari, di Fes in Marocco, di Tunisi e dell’Impero Ottomano. I venti principali sono rappresentati da gradevoli putti con le guance gonfie nell’atto di soffiare. Le rose dei venti presentano elementi ornamentali e al centro, di più grandi dimensioni, una Madonna con Bambino e il globo crucigero, una sfera sulla cui cima è apposta una croce, elemento spesso aggiunto nelle carte nautiche per favorire la protezione ai naviganti. La mappa fornisce indicazioni utili non solo alla navigazione, ma anche allo studio degli insediamenti, delle risorse, degli usi e dei costumi.


Carta nautica del Mediterraneo

Datazione
1565
Provenienza
Fondi storici Biblioteca Reale
Oggetto
Portolano
Materia e tecnica
Disegno policromo su pergamena
Dove si trova
Biblioteca Reale
MAGGIORI DETTAGLI

ORGANIZZA LA TUA VISITA

I Musei Reali di Torino sono uno dei complessi museali più estesi e più variegati d'Europa e sono pari, per le loro dimensioni e per il valore delle collezioni, alle maggiori residenza reali europee. Sono situati nel cuore della città antica e propongono un itinerario di storia, arte e natura che si snoda attraverso oltre 3 km di passeggiata museale su 30.000 mq di spazi espositivi e di deposito, 7 ettari di giardini, con testimonianze che datano dalla Preistoria all'età moderna.