ESPLORA LE COLLEZIONI PER:

Dintorni della Venaria Reale con effetto di tramonto

Jules-César-Denis Van Loo

Fa parte di un gruppo di vedute commissionate tra il 1792 ed il 1794 dal re Vittorio Amedeo III di Savoia al pittore francese Van Loo durante il suo soggiorno in Piemonte. I dipinti raffigurano località nei dintorni di Torino e offrono una suggestiva immagine dei territori sabaudi, già romantica, coniugando la tradizione del paesaggio seicentesco di matrice classicista con l’interesse per la rappresentazione realistica dei luoghi, per lo studio dei fenomeni meteorologici e per la resa degli effetti luministici e cromatici creati dalle diverse ore del giorno. Su un’altura in primo piano appare un sentiero alberato animato da piccole figure di viandanti delineate con morbidi tocchi di pennello e da un gruppo di contadini che si riposano nei pressi di rovine antiche colpite dalla luce del tramonto. In basso, in secondo piano, si apre un vastissimo paesaggio che abbraccia i giardini tardo settecenteschi della Reggia di Venaria Reale con i loro parterre e i loro ordinati filari di alberi, la residenza di caccia, il cui profilo si riconosce in lontananza, l’ordinata pianura circostante e, sfumate sullo sfondo, le colline torinesi, da cui svetta la Basilica di Superga. L’ampio taglio prospettico a volo d’uccello mostra stretti legami con il contemporaneo vedutismo topografico. Questo “ritratto di giardino” è il frutto di una nuova percezione estetica del paesaggio che nasce alla fine del Settecento e trova nella raffigurazione della natura trasformata dalla storia e dalla cultura materiale dell’uomo un nuovo soggetto pittorico in grado di suscitare emozioni nello spettatore. Firmato e datato in basso a destra «Cesar. Van-Loo f. / Turin 1793»

 


Dintorni della Venaria Reale con effetto di tramonto

Datazione
1793
Oggetto
Dipinto
Materia e tecnica
Olio su tela
Dove si trova
Galleria Sabauda - secondo piano
MAGGIORI DETTAGLI

ORGANIZZA LA TUA VISITA

I Musei Reali di Torino sono uno dei complessi museali più estesi e più variegati d'Europa e sono pari, per le loro dimensioni e per il valore delle collezioni, alle maggiori residenza reali europee. Sono situati nel cuore della città antica e propongono un itinerario di storia, arte e natura che si snoda attraverso oltre 3 km di passeggiata museale su 30.000 mq di spazi espositivi e di deposito, 7 ettari di giardini, con testimonianze che datano dalla Preistoria all'età moderna.