ESPLORA LE COLLEZIONI PER:

Girarrosto

Manifattura piemontese

È un curioso oggetto la cui forma generale ricorda quella di una stufa, più ampio alla base, con quattro piedi e, al coronamento, con cornice oltre la quale la struttura metallica è traforata come un merletto; il corpo centrale è provvisto di manovella con movimento a orologeria e suoneria per indicare la fine del tempo di cottura. Le superfici metalliche sono sbalzate con diversi motivi decorativi. Queste strutture, di diverse dimensioni, venivano preferibilmente poste nei camini, per sostenere, su apposite barre e ad altezze variabili, le pietanze da cuocere. I  girarrosto sono ancora ricordati nell’Elenco degli utensili degli Uffici di bocca giacenti nella cantina adibita a “Deposito rami”, del 1950, che censisce gli utensili all’indomani del secondo conflitto mondiale.

 

Datazione
XIX secolo, seconda metà
Oggetto
Girarrosto
Materia e tecnica
Metallo e legno
Dove si trova
Palazzo Reale - piano interrato - Cucina del re Vittorio Emanuele III
MAGGIORI DETTAGLI

TI POTREBBE INTERESSARE

Giuseppe Gaia, Innocente Gaia, Giovanni Fino, Carlo Balbino, Lorenzo Capellaro
Set di posate: coltello, forchetta e cucchiaino in argento
Giuseppe Gaia, Innocente Gaia, Giovanni Fino, Carlo Balbino, Lorenzo Capellaro
Manifattura di Meissen
Zuppiera da tavolo
Manifattura di Meissen
Manifattura di Vienna
Tazzina e piattino da caffè
Manifattura di Vienna
Manifattura piemontese
Cestino di vimini per piatti
Manifattura piemontese
Manifattura di Baccarat, Parigi
Bicchiere
Manifattura di Baccarat, Parigi
Ditta Caligaris e Piacenza
Stufa
Ditta Caligaris e Piacenza
Pesciera
Giuseppe Borrani
Cioccolatiera
Giuseppe Borrani
Cioccolatiera
Claudio Francesco Beaumont Filippo Juvarra Pietro Massa
Gabinetto Cinese
Pietro Massa
Claudio Francesco Beaumont Filippo Juvarra Francesco Ladatte Pietro Piffetti
Gabinetto del Segreto Maneggio degli Affari di Stato
Pietro Piffetti
Francesco Ladatte
Orologio Cartel da parete
Francesco Ladatte

ORGANIZZA LA TUA VISITA

I Musei Reali di Torino sono uno dei complessi museali più estesi e più variegati d'Europa e sono pari, per le loro dimensioni e per il valore delle collezioni, alle maggiori residenza reali europee. Sono situati nel cuore della città antica e propongono un itinerario di storia, arte e natura che si snoda attraverso oltre 3 km di passeggiata museale su 30.000 mq di spazi espositivi e di deposito, 7 ettari di giardini, con testimonianze che datano dalla Preistoria all'età moderna.