ESPLORA LE COLLEZIONI PER:

Globo terrestre

Gilles Robert de Vagoundy
Ambito francese

Il globo terreste, in esposizione permanente insieme al globo astrale nel salone palagiano della Biblioteca Reale di Torino, fu restaurato nel 2012 dallo Studio Crisostomi di Roma, grazie al sostegno finanziario della Consulta per la Valorizzazione dei Beni Artistici e Culturali di Torino. La relazione di restauro ha aggiunto nuovi elementi conoscitivi sulla composizione del manufatto: sfera in cartapesta, con asse in legno rifinita con intonaco, su cui sono stati apposti sezioni di carta stampati con matrice in rame. La sfera è sorretta da una base lignea semovente, in stile impero, con bussola e guarnizioni in metallo. L’autore, riportato in un cartiglio del globo, fu il parigino Gilles Robert de Vaugondy (1688-1766), geografo ufficiale del re di Francia e autore dell’Atlas universel, uno dei più importanti atlanti del XVIII secolo pubblicato nel 1757 insieme al figlio Didier, anch’esso cartografo e geografo del re. Quest’ultimo fu estensore della voce Globe nell’Encyclopédie, dove tratta in modo diffuso e con dovizia di particolari della costruzione di questi strumenti, distinguendo una parte puramente geometrica, che chiarisce il procedimento da seguire per predisporre su una superficie piana gli elementi che costituiscono la superficie sferica del globo, e una meccanica, che indica il sistema di costruzione e di assemblaggio per globi perfetti.


Globo terrestre

Datazione
1824
Oggetto
Globo terrestre
Materia e tecnica
Acquaforte acquerellata a mano su base lignea in ciliegio
Dove si trova
Biblioteca Reale
MAGGIORI DETTAGLI

ORGANIZZA LA TUA VISITA

I Musei Reali di Torino sono uno dei complessi museali più estesi e più variegati d'Europa e sono pari, per le loro dimensioni e per il valore delle collezioni, alle maggiori residenza reali europee. Sono situati nel cuore della città antica e propongono un itinerario di storia, arte e natura che si snoda attraverso oltre 3 km di passeggiata museale su 30.000 mq di spazi espositivi e di deposito, 7 ettari di giardini, con testimonianze che datano dalla Preistoria all'età moderna.