ESPLORA LE COLLEZIONI PER:

I tre arcangeli e Tobiolo

Filippino Lippi

La raffigurazione di Tobiolo con l’Arcangelo Raffaele, particolarmente fortunata nella Firenze del ‘400, viene qui completata con gli arcangeli Michele e Gabriele, riconoscibili rispettivamente dall’armatura con la spada e dal giglio dell’Annunciazione. Metà dello sfondo è occupata dal paesaggio, ammorbidito dalla calda luce che pervade tutta l’opera. Osservando l’aspetto femmineo dei quattro personaggi in cammino, e in particolare l’aggraziata cadenza del passo di Raffaele e Gabriele o la sinuosità dei loro abiti, è difficile non pensare a certe celebri figure di Botticelli. Per questo l’autore del dipinto, quando ancora si discuteva sulla sua identità, iniziò ad essere noto come “Amico di Sandro”, mentre successivamente fu chiaro che si trattava dell’esordiente Filippino Lippi (1457-1504). Dopo la morte del padre Filippo, grande pittore fiorentino di metà Quattrocento, Filippino crebbe artisticamente a fianco del Botticelli. Pur nella dipendenza dal più noto collega, in questo quadro giovanile già notiamo un marcato interesse nei confronti del paesaggio e un’abilità coloristica che si ritroveranno anche quando Filippino sarà ormai diventato uno tra i più originali artisti attivi nel passaggio da ‘400 a ‘500.

Datazione
1480-1482
Provenienza
Firenze, collezione Mannelli-Galilei
Oggetto
Dipinto
Materia e tecnica
Tempera e olio su tavola trasportata su tela
Dove si trova
Galleria Sabauda - primo piano
MAGGIORI DETTAGLI

ORGANIZZA LA TUA VISITA

I Musei Reali di Torino sono uno dei complessi museali più estesi e più variegati d'Europa e sono pari, per le loro dimensioni e per il valore delle collezioni, alle maggiori residenza reali europee. Sono situati nel cuore della città antica e propongono un itinerario di storia, arte e natura che si snoda attraverso oltre 3 km di passeggiata museale su 30.000 mq di spazi espositivi e di deposito, 7 ettari di giardini, con testimonianze che datano dalla Preistoria all'età moderna.