ESPLORA LE COLLEZIONI PER:

Il ritorno del figliol prodigo

Giovanni Francesco Barbieri detto il Guercino

L’opera raffigura il figliol prodigo inginocchiato sulle scale della casa paterna a chiedere perdono della dissipazione del denaro avuto in dono. La tela rappresenta al meglio la prima maturità del pittore. Guercino attua una sintesi tra il realismo compositivo di Ludovico Carracci, il colorismo di Ippolito Scarsella e le invenzioni architettoniche di ascendenza veneta. Una certa conoscenza della pittura caravaggesca è ravvisabile sia nella rappresentazione della figura del figliol prodigo sia nella raffigurazione del servo alle spalle dell’anziano padre. Nel primo caso il riferimento sembrano essere i personaggi nella Madonna dei pellegrini, opera del Merisi del 1604-1606 in S. Agostino a Roma. Nel secondo caso invece l’abito del servo rimanda a molti personaggi dipinti dal maestro: per esempio il ragazzo nella Buona ventura del 1596-97, conservata al Louvre. Guercino ha realizzato Il figliol prodigo nel 1617 a Bologna per l’arcivescovo Ludovisi. I buoni rapporti fra il cardinal Maurizio e il Ludovisi, ancor prima che questo diventasse papa nel 1621, ma da quando era nunzio straordinario in Savoia nel 1616 per risolvere le controversie tra Carlo Emanuele I e Filippo di Spagna, circa la disputa delle terre del Monferrato, possono essere stati il tramite per l’arrivo della tela a Torino. Questa compare infatti nell’inventario delle collezioni sabaude fin dal 1631.

Datazione
1617
Oggetto
Dipinto
Materia e tecnica
Olio su tela
Dove si trova
Galleria Sabauda - primo piano
MAGGIORI DETTAGLI

ORGANIZZA LA TUA VISITA

I Musei Reali di Torino sono uno dei complessi museali più estesi e più variegati d'Europa e sono pari, per le loro dimensioni e per il valore delle collezioni, alle maggiori residenza reali europee. Sono situati nel cuore della città antica e propongono un itinerario di storia, arte e natura che si snoda attraverso oltre 3 km di passeggiata museale su 30.000 mq di spazi espositivi e di deposito, 7 ettari di giardini, con testimonianze che datano dalla Preistoria all'età moderna.