ESPLORA LE COLLEZIONI PER:

Piattello decorato a nastri e reticelli

Ambito romano

La forma lenticolare del piattello deriva da tipi ellenistici prodotti in area siro-palestinese e destinati a una committenza di ceto elevato, che non hanno grande diffusione sul territorio piemontese e più in generale cisalpino. L’esemplare si affianca ad un altro piattello simile, oggi disperso, dalla vicina necropoli romana di Trofarello (Torino), mentre un frammento da Pollenzo (Bra, Cuneo), proveniente da una tomba databile tra la fine del I secolo a.C. e l’inizio del I secolo d.C., documenta la variante con inserzione di piccoli riquadri a mosaico. Non sono state ancora individuate le manifatture vetrarie di questi prodotti di complessa realizzazione, la cui localizzazione è stata ipotizzata nell’Italia nord-occidentale e a Roma, in quest’ultimo caso riconosciute sulla base del ritrovamento di semilavorati. Il piattello è stato ritrovato nel 1879, riutilizzato come coperchio di un vaso nella tomba di un personaggio maschile di rango databile tra la fine del VI e la prima metà del VII secolo d.C.


Piattello decorato a nastri e reticelli

Datazione
età romana
Provenienza
Da Moncalieri (Torino), scavi della necropoli longobarda di Testona
Oggetto
Piatto
Materia e tecnica
Pasta vitrea
Dove si trova
Museo di Antichità - Archeologia del territorio piemontese
MAGGIORI DETTAGLI

ORGANIZZA LA TUA VISITA

I Musei Reali di Torino sono uno dei complessi museali più estesi e più variegati d'Europa e sono pari, per le loro dimensioni e per il valore delle collezioni, alle maggiori residenza reali europee. Sono situati nel cuore della città antica e propongono un itinerario di storia, arte e natura che si snoda attraverso oltre 3 km di passeggiata museale su 30.000 mq di spazi espositivi e di deposito, 7 ettari di giardini, con testimonianze che datano dalla Preistoria all'età moderna.