Rhetorica ad Herennium - Musei Reali di Torino%
ESPLORA LE COLLEZIONI PER:

Rhetorica ad Herennium

Francesco Filelfo

Conosciuto come Codice Sforza questa esercitazione scolastica, come si evince dal colophon, fu scritto a Cremona il 27 novembre 1467 da Ludovico Maria Sforza all’età di 15 anni sotto la guida del maestro Francesco Filelfo. Il quadernetto, in scrittura umanistica rotonda, da presentare alla madre Bianca Maria Sforza, doveva rappresentare un saggio sui progressi negli studi del giovane Ludovico. Si tratta di un commento con annotazioni alla Rhetorica ad Herennium, trattato anonimo del 90-80 a.C. Terminato l’esercizio di scrittura il quadernetto, composto da quattro bifogli, fu affidato ad abili miniatori che lo ornarono di fregi, ritratti, stemmi, scene ispirate alla storia greca e romana. Il Codice fu ceduto nel gennaio 1863 al sovrano Vittorio Emanuele II dal marchese Vittorio Emanuele Tapparelli d’Azeglio, che lo aveva acquistato nel 1860 a Londra e che nello stesso anno aveva fatto pubblicare una riproduzione integrale.


Rhetorica ad Herennium. Commentaria

Datazione
1467
Provenienza
Famiglia Sforza
Oggetto
Manoscritto membranaceo
Materia e tecnica
Miniature su pergamena
Dove si trova
Biblioteca Reale
MAGGIORI DETTAGLI

ORGANIZZA LA TUA VISITA

I Musei Reali di Torino sono uno dei complessi museali più estesi e più variegati d'Europa e sono pari, per le loro dimensioni e per il valore delle collezioni, alle maggiori residenza reali europee. Sono situati nel cuore della città antica e propongono un itinerario di storia, arte e natura che si snoda attraverso oltre 3 km di passeggiata museale su 30.000 mq di spazi espositivi e di deposito, 7 ettari di giardini, con testimonianze che datano dalla Preistoria all'età moderna.