Rilievo con scena di banchetto - Musei Reali di Torino%
ESPLORA LE COLLEZIONI PER:

Rilievo con scena di banchetto

Ambito romano

Il rilievo si estende in uno spazio stretto e allungato, definito da un listello liscio. Sono rappresentati numerosi personaggi sdraiati a banchetto in vari atteggiamenti su un basso cuscino che funge da letto tricliniare. Le figure femminili sono vestite da un lungo chitone e portano i capelli raccolti sulla nuca, quelle maschili con capelli corti e mossi e barbe ricciute sono coperte solo da mantelli avvolti sui fianchi o sono completamente nudi. All’estremità sinistra una figura femminile suona la cetra, a quella destra, un anziano con tunica a maniche corte e braccia villose, identificabile come un Sileno, accenna al gruppo di Satiri e Menadi alla sua destra, raffigurati con un carattere spiccatamente famigliare (uno dei Satiri gioca con un bambino, forse figlio di una Menade) molto lontano dalla frenesia e dagli eccessi dei cortei dionisiaci. Anche le coppe per il vino e le ghirlande di fiori e frutta richiamano piuttosto a banchetti terreni. Le immagini del tiaso di Dioniso sono un tema diffuso sui sarcofagi di età romana: celebravano la gioia della festa e contemporaneamente costituivano una allusione ai culti misterici evocando la prospettiva di una vita nell’aldilà. É registrato nell’inventario del 1631 come “fregio con figure su triclinio”.

Datazione
Metà del II secolo d.C.
Oggetto
Rilievo
Materia e tecnica
Marmo
Dove si trova
Museo di Antichità - Manica nuova
MAGGIORI DETTAGLI

ORGANIZZA LA TUA VISITA

I Musei Reali di Torino sono uno dei complessi museali più estesi e più variegati d'Europa e sono pari, per le loro dimensioni e per il valore delle collezioni, alle maggiori residenza reali europee. Sono situati nel cuore della città antica e propongono un itinerario di storia, arte e natura che si snoda attraverso oltre 3 km di passeggiata museale su 30.000 mq di spazi espositivi e di deposito, 7 ettari di giardini, con testimonianze che datano dalla Preistoria all'età moderna.