ESPLORA LE COLLEZIONI PER:

Ritratto di gentildonna

Angiolo Tori detto il Bronzino

L’identità della donna effigiata in questo capolavoro del pittore fiorentino, un tempo ritenuta Eleonora di Toledo, consorte di Cosimo I de’ Medici, è stata a più riprese messa in discussione, proprio a partire dal confronto con i vari ritratti della Granduchessa che lo stesso Bronzino eseguì, col consueto rigore, secondo un protocollo preciso. Questa gentildonna che siede comodamente in poltrona, ostenta il giubbone rosso, di broccato e velluto di seta, sopra a una veste gialla, di seta anch’essa, e fissa il visitatore, come fissò l’autore del dipinto; ha lasciato ben evidenti anche anelli, bracciali, collana e cerchietto di perle, e una lunga cintura-gioiello, tempestata di pietre preziose. Alle sue spalle è lasciata ben in vista anche una bellissima tenda a fasce semitrasparenti. La signora, che mostra tanto benessere con tanta disinvoltura è, con tutta probabilità, Cassandra Cavalcanti, moglie di un facoltosissimo banchiere fiorentino, Pier Antonio Bandini, il cui ritratto è conservato alla National Gallery of Canada, Ottawa. Le loro effigi sono menzionate da Giorgio Vasari tra le opere di Bronzino.


Ritratto di gentildonna (Cassandra Cavalcanti Bandini?)

Datazione
1550-1555
Provenienza
Genova, collezione Durazzo
Oggetto
Dipinto
Materia e tecnica
Tempera su tavola
Dove si trova
Galleria Sabauda - primo piano
MAGGIORI DETTAGLI

ORGANIZZA LA TUA VISITA

I Musei Reali di Torino sono uno dei complessi museali più estesi e più variegati d'Europa e sono pari, per le loro dimensioni e per il valore delle collezioni, alle maggiori residenza reali europee. Sono situati nel cuore della città antica e propongono un itinerario di storia, arte e natura che si snoda attraverso oltre 3 km di passeggiata museale su 30.000 mq di spazi espositivi e di deposito, 7 ettari di giardini, con testimonianze che datano dalla Preistoria all'età moderna.