ESPLORA LE COLLEZIONI PER:

Ritratto di vecchio

Rembrandt Harmenzoon van Rijn

Lentamente gli occhi si abituano all’oscurità ed emergono i dettagli del dipinto: le braci di un fuoco ormai spento, una brocca e un attizzatoio, mentre dall’alto pendono delle aringhe messe a essiccare. Illuminati dal chiarore sono solo il volto e le mani dell’anziano signore. Dipinto originale di Rembrandt e databile al 1629, è eccezionale il virtuosismo del pittore che con una tavolozza di colori minima quasi monocroma rende la scena credibile.
E’ discusso il significato dell’opera: alcuni pensano si tratti di un filosofo o Tobia dormiente, oppure ancora l’allegoria dell’accidia o il ritratto del padre del pittore prossimo alla morte. Più recentemente si è scoperto che il dipinto apparteneva a Jacques De Gheyn III, facoltoso amante d’arte che Rembrandt ritrae nel 1632, che nel 1641 lascia il dipinto al nipote Johannes. Nel 1628 Constantijn Huygens, poeta e diplomatico olandese, scrive tessendo le lodi di Rembrandt e dello stesso De Gheyn che tuttavia è indicato come colui che spreca i suoi talenti nell’ozio: si può pensare che il dipinto sia stato commissionato a Rembrandt da Huygens come esortazione morale e scherzo intellettuale all’indirizzo del De Gheyn.

Datazione
1629
Provenienza
Acquisto da G. Delucca nel 1866
Oggetto
Dipinto
Materia e tecnica
Olio su tavola
Dove si trova
Galleria Sabauda - secondo piano
MAGGIORI DETTAGLI

ORGANIZZA LA TUA VISITA

I Musei Reali di Torino sono uno dei complessi museali più estesi e più variegati d'Europa e sono pari, per le loro dimensioni e per il valore delle collezioni, alle maggiori residenza reali europee. Sono situati nel cuore della città antica e propongono un itinerario di storia, arte e natura che si snoda attraverso oltre 3 km di passeggiata museale su 30.000 mq di spazi espositivi e di deposito, 7 ettari di giardini, con testimonianze che datano dalla Preistoria all'età moderna.