ESPLORA LE COLLEZIONI PER:

Statere di Amatunte

Ambito greco-cipriota

Moneta greca battuta nella città di Amatunte (Cipro) all’epoca del re Euagoras (inizi IV secolo a.C.) e recante:
D/ Testa di leone con fauci spalancate, rivolto a destra.  
R/ Leone e aquila a destra, esergo realizzato da fila di punti.
La rara moneta risultava ufficialmente mancante dalla collezione del Medagliere Reale dal 1983, quando il Medagliere si trovava in deposito presso il Museo Civico di Numismatica (da cui è poi stato spostato per rientrare nella sede originaria nel 2000). Nel 2012 a Goettingen, in Germania, in seguito alla notizia ricevuta da un commerciante di numismatica, la polizia tedesca ha sequestrato una rara moneta identificata come Stater Amanthous. Da qui è partita la ricerca per individuarne il legittimo proprietario: la prima traccia è stata ritrovata nel Catalogo delle monete greche del British Museum del 1904, in cui la moneta era riprodotta e indicata come conservata a Torino. Una seconda conferma è arrivata dall’edizione del 1883 della Revue Numismatique, in cui è pubblicato un articolo di J.P. Six dal titolo “Du Classement des séries Cypriotes” contenente una precisa descrizione della moneta della Biblioteca Reale di Torino, fondata dal re di Sardegna Carlo Alberto insieme al Medagliere e affidata alle cure di Domenico Promis a partire dal 1832. Il riscontro finale è avvenuto sull’inventario manoscritto del Medagliere Reale del 1887, dove, con il numero 24586 D.C. (Dotazione Corona) veniva puntualmente descritto un esemplare di moneta in argento, identico a quello rinvenuto.

Datazione
Inizi IV secolo a.C.
Oggetto
Moneta
Materia e tecnica
Argento
Battitura
Dove si trova
Armeria Reale - Medagliere
MAGGIORI DETTAGLI

ORGANIZZA LA TUA VISITA

I Musei Reali di Torino sono uno dei complessi museali più estesi e più variegati d'Europa e sono pari, per le loro dimensioni e per il valore delle collezioni, alle maggiori residenza reali europee. Sono situati nel cuore della città antica e propongono un itinerario di storia, arte e natura che si snoda attraverso oltre 3 km di passeggiata museale su 30.000 mq di spazi espositivi e di deposito, 7 ettari di giardini, con testimonianze che datano dalla Preistoria all'età moderna.